Aumento Iva nel 2019, per Tria si tratta di “follia”

Le ultime notizie e indiscrezioni continuavano a ipotizzare una manovra correttiva che contenesse l’aumento dell’Iva. Ma il ministro Tria ha smentito nettamente: “Sono follie”.

La risposta secca ai rumors è arrivata dai microfoni della trasmissione di Rete 4 ‘Quarta colonna’. Il ministro dell’Economia, infatti, ha spiegato che le voci legati a un possibile aumento dell’Iva "sono tutte follie, non solo perché non ne parliamo, ma perché sarebbe sbagliato fare questo dal punto di vista della politica economica. Perché si deve fare una manovra per mettere più in difficoltà le imprese italiane?".

Ma l’eventuale aumento delle aliquote Iva sarebbe legato a doppia mandata al varo di una manovra bis. Un’ipotesi che, almeno tra media e addetti ai lavori, aveva iniziato a farsi largo dopo che la Commissione europea aveva comunicato le stime della crescita italiana, ridotte allo 0, 2% mentre la manovra prevedeva l’1%.

Eppure, Tria non sembra vacillare: "Questa storia della manovra correttiva è quasi una fissazione, non la capisco. Noi siamo tra la stagnazione e la recessione, cosa si intende per manovra correttiva? Più tasse e meno spesa”.

Entrando nel dettaglio, il ministro spiega: “Mi chiedo, in una situazione come quella dell'Italia e dell'Europa è utile? Non bisogna essere keynesiani per capire che non è il momento". Il deficit, ha assicurato, "viene tenuto sotto controllo".

עזוב את ההערה שלך

Please enter your comment!
Please enter your name here