Perché i valori omi dei prezzi delle case sono ormai lontanissimi dal mercato

I valori omi dei prezzi delle case, punto di partenza per l'imposizione fiscale sugli immobili, sono ormai lontani dai valori di mercato. A puntare il dito è confedilizia che ha presentato un monitoraggio a campione di 2500 di abitazioni acquistate presso le aste giudiziarie, il cui prezzo è stato anche pari a un quinto di quello indicato dall'osservatorio dell'agenzia delle entrate

Secondo confedilizia, i valori omi dell'osservatorio dell'agenzia delle entrate - riferimento sia per le compravendite, sia per l'imposizione fiscale- sono oggi supervalutati. Per dimostrarlo ha monitorato ha raccolto i prezzi di 2500 case acquistate alle aste giudiziarie. Si tratta di un microcosmo rispetto alle circa 400mila compravendite realizzate nel 2013, ma che - secondo il presidente corrado sforza fogliani- individua un trend "il prezzo reale pagato può essere fino a cinque volte inferiore ai valori omi"

Riforma del catasto
Ma l'associazione critica anche la prima parte della riforma del castasto, quella relativa alle commissioni censuarie. "Sul dlgs sulle commissioni censuarie- afferma sforza fogliani- esprimiamo pieno disappunto- perché escludono ogni possibilità di contraddittorio. Se si continua così con gli altri decreti attuativi, ho forti dubbi che si possa costruire un catasto realmente rappresentativo dei valori e dei redditi correnti, com'è è invece nello spirito della legge delega"

Ti potrebbe interessare

Riforma del catasto, perché l'invarianza di gettito potrebbe essere un'utopia

עזוב את ההערה שלך

Please enter your comment!
Please enter your name here